Interazione tra Social ed Esperienze di acquisto: questa la chiave di accesso al lavoro per i giovani di oggi

Intervista a Marco ZennaroDigital Engineer DX at Oracle Italia.

Studi? Hobby? Dove vivi? Con quale # ti descriveresti?

Ho frequentato prima il Liceo Scientifico e poi il Corso di Studi in Informatica (Triennale + Magistrale) all’Università di Catania.
Nel tempo libero mi piace andare a correre, giocare a tennis, guardare le serie tv, cucinare e viaggiare.
Sono cresciuto a Catania, ma da qualche anno vivo a Milano.
Gli # che utilizzerei per descrivermi sono #CrederciSempre #MollareMai.

Usi i Social nella tua vita privata? Per quali finalità?

Si, maggiormente Linkedin, Facebook, Instagram.
Le finalità sono diverse. Utilizzo Linkedin per tenere il mio profilo lavorativo aggiornato e condividendo/leggendo notizie delle aziende e persone che offrono spunti di riflessione nel campo della società e del lavoro.
Utilizzo Facebook e Instagram a volte perché mi piace semplicemente condividere alcune attività che pratico (per esempio cibo che cucino, posti che vedo nei viaggi, performance sportive), altre volte invece utilizzo questa condivisione per essere creativo e condividere elementi che possano far divertire le persone.

Cosa rappresenta per Oracle oggi la Customer experience e in quali settori vuole realizzare innovazioni di mercato?

Ritengo che oggi la Customer Experience sia fondamentale e di vitale importanza per il successo di un’azienda nel cercare di aiutare i propri clienti. Per questo ormai da diversi anni Oracle ha spostato il suo main focus su questo tema che comprende davvero tutti i settori di mercato.

Come Attore del cambiamento come descrivi il prossimo futuro dell’interazione tra social ed esperienza di acquisto e di persuasione del cliente?

Penso che l’interazione tra social ed esperienza di acquisto si basi sulla sfida della personalizzazione del messaggio promozionale. Infatti, se ci facciamo caso, possiamo renderci conto che già adesso il messaggio promozionale attraverso i social è sempre più mirato al singolo, ed in futuro entrerà a far parte della sua quotidianità con “brand story” uniche e distintive, rendendo così più forte la relazione tra brand e consumatore come se fossero due amici sulle chat!

La persuasione del cliente probabilmente troverà la chiave vincente nello studio della profilazione del cliente, ovvero migliorare la conoscenza, attraverso la raccolta di dati, dei gusti e dei desideri dei consumatori. Questo aiuterà le imprese a fornire servizi e prodotti customizzati.

Il prossimo futuro vedrà sempre più interazione, condivisione e recensioni sui social network che rappresentano ormai lo strumento di diffusione per eccellenza.

Come vedi cambiare il mondo dei Millennials con le tecnologie social e WEB?

Beh, credo che il mondo dei Millennials diventerà un mondo sempre più veloce, più condiviso e con maggiore fruibilità dei materiali da qualsiasi dispositivo e in qualsiasi momento.

Tuttavia la vera sfida non è arrivare a chissà quale dirompente novità tecnologica, quanto piuttosto abbracciare le nuove tecnologie senza impatti negativi. L’elaborazione di una mole di dati in costante crescita, derivante da questa molteplicità di fonti contaminate fra loro, apre nuovi scenari. Il capitale umano diventa strategico e moltissime saranno le professionalità inedite che vedremo nascere, come in questi anni abbiamo visto affacciarsi i Data Scientist o gli App Developers.

 

 Ringraziamo l’editore e l’autore per la gentile concessione alla ripubblicazione.

Ufficio stampa e comunicazione:
Mariella Bruno: mariella.bruno@diversityopportunity.eu
Pubblicazione originale: http://www.diversityopportunity.eu/2019/09/09/intervista-zennaro/ 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *