ItalVolley qualificata alle Olimpiadi: Catania, è qui la festa?

Non poteva esserci epilogo migliore; la tre giorni di pallavolo che ha fatto tappa a Catania, con il girone preolimpico che ha visto scendere in campo l’Italia, si è conclusa alla grande. La Nazionale femminile del coach Davide Mazzanti ha battuto, ieri sera dentro a un Pala Catania gremito, l’Olanda garantendosi l’accesso alle Olimpiadi nipponiche del 2020.

Il momento degli Inni Nazionali. Pala Catania sold out.
Il momento degli Inni Nazionali. Pala Catania sold out.

 

Tre set a zero (25-23; 25-17; 25-22) e tutti a casa, anzi a Tokyo. Un palazzetto dello sport, quello catanese, vestito a festa e che ha in pieno recepito l’invito di coach Mazzanti (che aveva detto di voler mettere a disposizione il “quadro” – la “sua” Nazionale – per una bella “cornice” – il pubblico auspicato). I tifosi hanno risposto presente, supportando e incitando senza sosta le ragazze azzurre e spingendole durante una prestazione eccellente. Qualificazione raggiunta con un anno di anticipo e senza il bisogno di dover aspettare le ulteriori possibilità del prossimo Gennaio. Sarà, per la rappresentativa italiana, la sesta partecipazione di fila alle Olimpiadi.

 

Partita perfetta, aldilà forse, di ogni più rosea aspettativa. Primo set combattuto e giocato punto a punto, poi strada in discesa. Impressionante, come al solito, Paola Egonu; posto 1 ha continuato a somigliare, per tutto il tempo della partita, a una base di bombardamento piuttosto che a una porzione di campo. L’opposto ha chiuso il primo set, trascinando le compagne, con il 57% di realizzazioni offensive. Il secondo set va via liscio; lo spettacolo del campo, Bossetti e Sylla mattatrici, è accompagnato da quello sugli spalti. Ogni punto è accolto con un entusiasmo contagioso, si gioca in mezzo a un clima allegro e galvanizzante. Benissimo, in ricezione, la De Gennaro; capace non solo di rendere giocabili una gran quantità di attacchi orange, ma pure, e soprattutto, di strepitosi recuperi difensivi.  Il terzo set è una passerella che conduce il sestetto italiano al tripudio finale. Il punto del 25-22 del terzo set, quello che è valso il match, ha reso il palazzetto una vera e propria bolgia e ha dato il via, tra le note di Modugno e gli “applausi vichinghi”,  ai festeggiamenti per la qualificazione.

la festa

 

Una vittoria che ha visto protagonista Catania, così come la Federazione provinciale. Giuseppe Gambero, presidente del comitato locale, visibilmente emozionato ha commentato in questo modo l’evento: <<Sono stati tre giorni speciali – ha detto – la sintesi di un lavoro di mesi, dove non ci siamo mai risparmiati. La mia squadra ha dimostrato grande affidabilità. La macchina organizzativa è stata sempre sul pezzo perché non era facile riuscire a garantire grande efficienza in questa fase storica. Invece, tutte le componenti, scese in campo e coinvolte nel torneo preolimpico, ci hanno creduto, firmando il successo di un evento che entra di diritto nella storia tra quelli ospitati dal 1997 al Pala Catania per il risultato sportivo e le emozioni che ci porteremo dentro per tanto tempo. Ringrazio –  ha continuato – la Federazione nazionale per aver creduto in noi, per averci assegnato uno dei sei gironi olimpici che si sono giocati nel mondo in questo weekend. Ringrazio il Comune di Catania, che ci è stata sempre vicino e ha provveduto, in particolare, a riparare il danno occorso dopo gli atti vandalici di giugno. Ringrazio la Regione Sicilia che ha sposato in pieno la sinergia sport-grandi eventi-turismo. Ringrazio i presidenti dei Comitati, dal regionale a quelli territoriali, che hanno stimolato il movimento del volley siciliano, sensibilizzando alla partecipazione e al sostegno assoluto per l’Italia. Ringrazio i partner commerciali e logistici che hanno scommesso sulle nostre idee. I volontari che nei vari settori operativi e nevralgici hanno dato il massimo. La risposta generale? Sta nei numeri che decretano il tutto esaurito nella giornata decisiva contro l’Olanda. Il famoso quadro, richiesto da Mazzanti dopo la partita vinta contro il Belgio, ha avuto una cornice straordinaria>>.

Il Presidente della Fipav Catania, Giuseppe Gambero
Il Presidente della Fipav Catania, Giuseppe Gambero

Felice, per il risultato, anche il Sindaco di Catania, Salvo Pogliese. Il primo cittadino ha affidato a un post Facebook la propria gioia: <<Da Catania a Tokyo, missione compiuta! Italia qualificata alle Olimpiadi 2020.
Una magnifica giornata di sport con un pubblico fantastico. Viva l’Italia, viva Catania!>>

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *